Per contatti: progettorom @fondazionesolidcaritas.it
Visualizza il dépliant

cardinale betori al campo romGran parte degli abitanti del campo sono di origine jugoslava e sono arrivati in Italia negli anni ’80-’90 o ci sono nati. Il loro paese di origine è stato attraversato da guerre che ne hanno cambiato completamente la struttura politica e i confini. La Jugoslavia non esiste più.

Nonostante molti siano nati nel nostro Paese (due generazioni oramai), sono in diversi a non avere una posizione regolare sul territorio. Trattandosi di persone di etnia rom, sono discriminati anche nei Paesi di origine delle famiglie (oggi Serbia, Croazia, Bosnia, Kosovo, Montenegro e Macedonia) e, pertanto, non trovano alcuna comprensione e disponibilità da parte delle amministrazioni locali ed è molto difficile per loro ottenere certificati di nascita o di stato di famiglia per regolarizzare la propria posizione.


Il nostro impegno
* sostegno scolastico ed extrascolastico per i minori di tutte le età al fine di evitare la dispersione scolastica
* monitoraggio dello status giuridico e accompagnamento nelle pratiche per la regolarizzazione e il mantenimento della stessa
* promozione della legalità
* sostegno nella formazione e per l’inserimento lavorativo
* orientamento per l’iscrizione e un corretto uso dei servizi sanitari e, quando necessario, accompagnamento presso le strutture sanitarie
* verifica costante della situazione igienico-sanitaria
* sostegno per la costruzione di percorsi che permettano ai nuclei familiari di uscire dalla realtà del campo e di trovare una sistemazione abitativa più dignitosa, più sicura e autonoma

Campo RomCon il DOCU-FILM "Ascolta con gli occhi", in collaborazione con la Caritas di Firenze, prodotto da "I Teatri dell'Invasione", Stefano Silvestri, autore e regista, in collaborazione con Rowena Giacomelli, racconta la vita del campo ROM di Sesto Fiorentino. Guarda il trailer e contattaci se desideri una proiezione in parrocchia, per la tua associazione, a scuola, ecc.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva